L'acquaponica, la perfetta simbiosi tra coltivazione di piante e piscicoltura

L'acquaponica, la perfetta simbiosi tra coltivazione di piante e piscicoltura.

Riesci a immaginare di allevare pesci sotto il tuo giardino urbano? Questa è la proposta dell'acquaponica, che integra la piscicoltura per risparmiare il 90% di acqua ed eliminare allo stesso tempo l'uso di sostanze chimiche tossiche. Un sistema in fase di sviluppo sia per uso privato che industriale.

Il termine acquaponica deriva dalla combinazione delle parole "acquacoltura" (produzione di organismi acquatici) e "coltura idroponica" (produzione di piante senza suolo). È un sistema sostenibile di produzione di piante e pesci .

Sistema SABI o come una famiglia può produrre 190 chili di cibo in 6 mesi

Il sistema è il seguente: i pesci producono compost o fertilizzanti dal suolo, una volta espulsi i rifiuti da ciò che mangiano, ricchi di sostanze nutritive. In altre parole, le persone nutrono i pesci in modo che possano successivamente nutrire le persone. Il cerchio della vita.

Pertanto, il "fertilizzante" naturale che il pesce espelle viene pompato verso l'alto, dove viene assorbito dalle piante. Allo stesso tempo, le radici purificano l'acqua quando rimuovono questi nutrienti, che risalgono al punto in cui si trovano i pesci. In questo modo non è necessario introdurre acqua pulita ogni settimana.

Questo sistema può risparmiare fino al 90% di acqua rispetto all'agricoltura convenzionale ed eliminare completamente qualsiasi residuo che potrebbe essere generato, poiché è un sistema chiuso. Oggi esistono già sistemi di questo tipo sia per la produzione domestica che per la produzione su scala industriale.

Acquaponica, piante e pesci in crescita.

Un sistema acquaponico domestico può essere installato nell'ambiente urbano, in uno spazio libero della casa, su un balcone, che riceve almeno 5 ore di sole al giorno, nonché sistemi di acquaponica commerciale su larga scala sono facili da usare. gestire e il produttore ha poco da controllare, sia nella produzione agricola che in quella ittica. Le verdure, come la lattuga, possono essere raccolte dopo 4-6 settimane di brevi cicli.

Una tecnica con storia.

La tecnica integrata del sistema di coltura di pesci e ortaggi riproduce in realtà il ciclo naturale dei nutrienti in qualsiasi ecosistema su piccola scala. Questo non è qualcosa di nuovo ora: l'acquaponica era già conosciuta e utilizzata migliaia di anni fa da civiltà disparate come gli Aztechi o i cinesi.

Quale pesce dovremmo usare?

I pesci utilizzati in acquaponica sono generalmente tilapia, una specie molto resistente e in grado di supportare alte densità di popolazione. Anche se la verità è che il sistema ospita tutti i tipi di pesci d'acqua dolce. Importante: questo sistema funziona meglio quando fa caldo;

Di cosa avremo bisogno?

Per realizzare questo sistema a casa, sono necessari i seguenti elementi: uno stagno per allevare pesci; una pompa, incaricata di trasportare l'acqua con i nutrienti delle paci verso l'alto, dove si trova la coltura idroponica; grondaie dove pianteremo il nostro giardino, una conduttura attraverso la quale circola la soluzione e un sistema di filtraggio in modo che i tubi non siano ostruiti.

Per quanto riguarda il substrato che useremo in questo tipo di frutteti, saranno ghiaie che possono coprire dimensioni diverse. L'irrigazione deve essere continua, i sistemi di irrigazione a goccia e simili non funzionano normalmente.

La cosa migliore dell'acquaponica è che è totalmente ecologico, abbiamo già un fertilizzante non inquinante che è anche totalmente naturale.

Regole di base da seguire in acquaponica.

Seguendo alcune regole di base sarai in grado di montare e mantenere il tuo sistema senza problemi.

  • Il serbatoio è molto importante. I carri armati di pesce sono una scelta molto importante in acquaponica. Qualsiasi serbatoio può funzionare per te, ma l'utilizzo di un serbatoio rotondo con un fondo piatto o conico ti semplifica la vita, poiché sono più facili da pulire.
  • L'aerazione e la circolazione dell'acqua fondamentale. Prendi in considerazione l'uso di pompe per aria e acqua per assicurarti che l'acqua abbia alti livelli di ossigeno disciolto e un buon movimento dell'acqua in modo che animali, batteri e piante rimangano sani. Utilizzare l'energia fotovoltaica quando possibile, poiché qualsiasi interruzione di corrente può essere fatale per il sistema.
  • La qualità dell'acqua è fondamentale. L'acqua è vitale in un sistema acquaponico. È il mezzo attraverso il quale tutti i nutrienti essenziali vengono trasportati nelle piante e dove vivono i pesci. Esistono cinque importanti parametri di qualità dell'acqua da seguire e controllare: ossigeno disciolto (5 mg / litro), pH (6-7), temperatura (18-30 ° C), azoto totale e alcalinità dell'acqua.
  • Non devi riempire troppo i serbatoi. La densità raccomandata è di 20 kg / 1000 litri, che lascia una notevole area di crescita per le piante.
  • No al sovralimentazione. Dai da mangiare al pesce ogni giorno, ma rimuovi eventuali alimenti non consumati dopo 30 minuti e regola di conseguenza la porzione del giorno seguente.
  • Scegli e distanzia le piante con cura . Le verdure a foglia verde funzionano molto bene in acquaponica, insieme ad alcune delle verdure di frutta più popolari, come pomodori, cetrioli e peperoni.
  • Buon equilibrio tra piante e pesci. Avere una fonte sicura di giovani piante e pesci è importante, quindi assicurati di considerare l'offerta in fase di pianificazione.

Come realizzare un sistema acquaponico domestico.

Anche se in inglese, ecco un manuale molto completo sull'acquaponica.

Fonte: fao.org

Articoli Correlati