Più di 15.000 scienziati da tutto il mondo propongono 13 misure urgenti per salvare il pianeta

13 misure urgenti per salvare il pianeta

Fermare la "miseria diffusa" che si profila con l'inesorabile progresso del "danno catastrofico alla biosfera" è l'obiettivo di oltre 15.000 scienziati di 184 paesi che, per raggiungere questo obiettivo, hanno appena messo in campo 13 misure concrete e urgente per proteggere il pianeta dalla distruzione. "Diamo un secondo avvertimento all'umanità", avvertono gli esperti, che chiedono un'azione "immediata" da parte dei governi per combattere i cambiamenti climatici ed estendere pratiche ecosostenibili.

Original text


Sebbene possano essere consultati in questo manifesto, le tredici azioni proposte dalla comunità scientifica per sopravvivere al pianeta sono le seguenti:

  1. Promuovere la protezione di una parte significativa degli habitat terrestri, marini, d'acqua dolce e aerea. (In questo senso, tra l'altro, hanno parlato del Progetto Half-Earth, che sostiene la protezione di metà della terra e della superficie marina come l'unica opzione per salvare il pianeta).
  2. Salvaguardare gli ecosistemi naturali, per i quali è essenziale fermare la conversione (e la perdita) di foreste, giungle e praterie , tra molti altri.
  3. Intraprende il ripristino su larga scala delle piante indigene , con particolare attenzione alle foreste.
  4. Lavorare per le specie autoctone per tornare (e sopravvivere) ai loro habitat naturali .
  5. Attiva politiche che fermano l'estinzione delle specie animali . Un maggiore controllo del bracconaggio, dello sfruttamento e del commercio di animali minacciati sarebbe essenziale per avanzare in questo campo. "Abbiamo scatenato un evento di estinzione di massa delle specie, il sesto in circa 540 milioni di anni, attraverso il quale molte delle forme di vita di oggi potrebbero essere annientate ", avvertono gli scienziati nel manifesto.
  6. Smettere di sprecare cibo in modo sistematico, con miglioramenti delle infrastrutture e delle politiche educative in questo senso.
  7. Modifica le diete per migliorare il consumo di prodotti vegetali e ridurre l'assunzione di carne. Non bisogna dimenticare che la zootecnia e il consumo di carne animale per alimenti sono responsabili di gran parte delle emissioni di gas a effetto serra.
  8. Lavorare per una riduzione dell'indice di fertilità mettendo a disposizione di coloro che non dispongono di tutte le risorse in termini di educazione riproduttiva e pianificazione familiare.
  9. Promuovere la ricerca scientifica e l'analisi sulla popolazione, per determinare il volume della popolazione che è sostenibile a lungo termine.
  10. Educare i minori al rispetto e all'apprezzamento della natura .
  11. Trasformare gli investimenti in modo da dare la priorità alle iniziative che perseguono il cambiamento ambientale.
  12. Scommettere (e sostenere) lo sviluppo di tecnologie non inquinanti, oltre a favorire la completa transizione verso l'energia pulita e smettere di sovvenzionare la produzione di energia attraverso i combustibili fossili.
  13. Passare a un modello economico che riduca le disuguaglianze e assicuri che prezzi, tasse e incentivi tengano conto dei costi dell'attuale modello di consumo sull'ambiente.

La batteria di proposte fa parte di un documento pubblicato dall'Alleanza del mondo scienziato che, con il supporto di scienziati di qualsiasi disciplina e di qualsiasi parte del mondo, cerca di diventare una "voce collettiva internazionale" su i cambiamenti climatici e come combatterli con le conoscenze acquisite.

Per approfondirlo, questo manifesto ripercorre in particolare il 1992, quando centinaia di scienziati hanno lanciato il primo avvertimento per l'umanità. Sebbene da allora siano stati compiuti progressi sotto alcuni aspetti, come la stabilizzazione dello strato di ozono, "l'umanità non è riuscita a compiere progressi sufficienti per risolvere le sfide ambientali previste ". Nella maggior parte, gli scienziati concludono "siamo molto peggio di allora".

Quindi, questo scritto, le proposte indicate e l'invito alle autorità di tutto il mondo ad agire immediatamente come un "imperativo morale per le generazioni attuali e future" , assicurano e come l'unico modo per, come già avvertito All'inizio degli anni '90, gli esseri umani hanno messo da parte il corso che avevano deciso di intraprendere, il che porta solo a una "collisione con il mondo naturale".

  • Artico: temperature record nelle Isole Svalbard
  • Simulazioni devastanti sostengono che il ghiaccio marino scomparirà nelle estati dell'Artico entro il 2050
  • L'Italia sarà il primo paese a forzare i suoi scolari a studiare i cambiamenti climatici
  • Sabbia verde sulle spiagge, la nuova proposta per combattere i cambiamenti climatici
  • Il Polo Sud si riscalda tre volte più velocemente del resto del pianeta?

Articoli Correlati