La scomparsa del Mar Cantabrico, un esempio di ciò che ci aspetta se non fermiamo i cambiamenti climatici

Perché abbiamo bisogno di una rivoluzione energetica per prevenire la scomparsa del Mar Cantabrico e delle sue spiagge?

Le temperature cambiano sempre, ma nell'ultimo secolo sono aumentate costantemente. E questo è pericoloso. La NASA ha già confermato che gli ultimi 15 anni sono stati i più caldi della storia e il 2017 sembra che supererà il resto. [I]

Mentre questo si traduce in catastrofi naturali in India o nella perdita di 2 trilioni di tonnellate di ghiaccio in Groenlandia, dobbiamo anche preoccuparci nel nostro paese. E, sebbene possa non sembrare, la Spagna è uno dei paesi europei più colpiti dai cambiamenti climatici .

A causa del nostro clima e della nostra tradizione agricola, siamo molto vulnerabili alle conseguenze dell'aumento delle temperature. E alcune aree più di altre! La Cantabria, ad esempio, per la sua posizione geografica, è fortemente esposta agli effetti negativi dei cambiamenti climatici.

Secondo il Dipartimento dei cambiamenti climatici della Cantabria, la temperatura media del luogo potrebbe aumentare fino a 4 ° C e molti fiumi e foreste potrebbero essere in pericolo e il livello del mare potrebbe aumentare. Con il più piccolo aumento del livello dell'acqua, quasi la metà delle spiagge della Cantabria scomparirebbe , il rischio di inondazioni aumenterebbe sulla costa e diversi acquiferi e terreni agricoli verrebbero contaminati. [Ii]

Allo stesso tempo, diverse specie scomparirebbero. Non solo fauna marina, come pesci, uccelli e piante, ma anche animali terrestri come l'orso bruno o il gallo cedrone, simbolici della Cantabria e molto vulnerabili alle variazioni di temperatura.

In effetti, negli ultimi trent'anni, la temperatura dell'acqua nel Mar Cantabrico è aumentata in media di quasi 1 ° C, innescando un processo di deforestazione di alghe coronali, equivalenti marini degli alberi. Queste alghe aiutano ad assorbire l'anidride carbonica (chiave nella lotta ai cambiamenti climatici) e mantengono una popolazione ittica sana. Senza di loro, potremmo presto dire addio a specie come sardine o bonito!

D'altra parte, il rischio di incendi aumenterebbe, insieme alle frane sui pendii della Cantabria, e sebbene ci sarebbero meno piogge, ci sarebbero anche tempeste più forti che hanno causato grandi inondazioni.

Tutto ciò non è solo un problema per l'ambiente, ma anche per le persone . Anche l'industria del turismo in Cantabria sarebbe influenzata negativamente dall'aumento delle temperature e dall'innalzamento del livello del mare sulle coste.

Molti accademici e scienziati avvertono della situazione. José Ramón Díaz, professore all'Università della Cantabria, ha dichiarato più di un decennio fa che il cambiamento climatico in Spagna “è grave, e prevedo che l'intensità delle tempeste aumenterà e che i loro effetti saranno più dannosi e catastrofici. Non ha bisogno di essere molti anni. Lo vedremo . ”[Iii] Come previsto, lo stiamo già vedendo.

È fondamentale che la Spagna si unisca agli sforzi globali per non superare l'aumento delle temperature di 1,5 ° C, come concordato nell'accordo di Parigi due anni fa.

Per salvare il Golfo di Biscaglia e molte altre aree che saranno colpite, dobbiamo spostarci verso un futuro sostenibile, iniziando con la riduzione dei sussidi per i combustibili fossili e investendo in un modello di energia rinnovabile al 100%, rimuovendo gli attuali ostacoli legali ed economici.

È indispensabile scommettere sulla rivoluzione energetica per evitare catastrofi sia a livello nazionale che globale. La soluzione è nelle nostre mani.

[i] //content-drupal.noaa.gov/news72016-marks-three-consecutive-year-of-record-warmth-for-globe

[ii] //www.cambioclimaticocantabria.es/web/cambio-climatico/detalle/-/journal_content/56_INSTANCE_NfF4/3528731/3529155

[iii] //foro.tiempo.com/temporales-mas-devastadores-en-el-cantabrico-por-el-cambio-climatico-t19776.0.html

Autore: Khristina Santos, scrittrice ambientale ed eco-blogger dietro La Vida Uve.

Articoli Correlati